Robe da chiodi

Perché penso, come ha detto qualcuno, che la storia dell’arte liberi la testa

Un autunno di mostre mostruose

with 4 comments

Pensavo in questi giorni, osservando i lanci stampa delle mostre che arrivano sul tavolo, che siamo nella stagione delle “mostre mostruose”. Qualche esempio: Il Potere e la Grazia, a Palazzo Venezia. Un’enigmatica indagine su ruolo e immagine dei santi patroni, in Europa. Mostra dai grandi mezzi, con qualche prestito da capogiro (arriva la tavoletta di Van Eyck da Torino, un quadro che neanche a Torino tengono espsoto sempre per preservarne le condizioni: vi pare una cosa logica?). Benché ci sia dietro Ravasi, sembra un concertone di grandi nomi che cercano disperatamente un’ultima ribalta. Ma i patroni, giganti della nostra storia, sono ormai figure drammaticamente marginalizzate nella coscienza collettiva. Meglio tentare di rappresentare il dramma di questo oblio che non la retorica dei tempi andati.

Altro esempio: la mostra pavese con la carrellata di seconde scelte del 600 spagnolo provenienti dall’Ermitage. Leggo oggi sul Corriere che la legittimazione culturale della mostra sta nel fatto che nel 1525 a Pavia si combattè la battaglia che consegnò la Lombardia alla Spagna. Dal che uno deduce che si fa una mostra sugli influssi che la cultura figurativa iberica ha avuto sull’arte lombarda del 600, ad esempio sulla cultura dei pittori pestanti. Nient’affatto. Nessun confronto, nessuna indagine sul tema. Semplice carrellata di quadri, trangolati dalle collezioni di Caterina II (l’unica cosa buona è che qualcuno almeno scoprirà che a Pavia c’è la bellissima Pinacoteca Malaspina…).

Tra le mostre malpensate temo ci sia anche quella romana su Caravaggio e Bacon, che come mi riferiscono amici autorevoli è mal allestita e penalizza il grande inglese, finito nel tritatutto della spasmodica mania caravaggesca che ormai pervade l’Italia.

Al che mi sono detto: ma se si voleva fare una mostra per mettere in rapporto Bacon con il passato c’erano almeno tre ipotesi più pertinenti e più intelligenti:

  1. Portare il ciclo dei papi urlanti di Bacon a casa loro, cioè a fianco del mitico Innocenzo X di Velazquez che ne è il prototipo ispiratore.
  2. Mettere Bacon a confronto con i disegni di corpi di Michelangelo, altro punto genetico della sua pittura.
  3. La più fascinosa: Bacon con il Crocifisso aretino di Cimabue. Nel suo studio di Londra lo teneva appeso rovesciato, per percepirne con più forza la straordinaria torsione. Non ci vuol molto a capire quanto potente sia stata quella suggestione su di lui.

A la prochaine…

Annunci

Written by giuseppefrangi

ottobre 7, 2009 a 5:48 pm

Pubblicato su mostre

Tagged with , ,

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Vedere Velazquez e Bacon vicini sarebbe fantastico…
    Sono andata a rivedere innocenzo X alla Galleria Pamphili di recente, e ho finalmente ho cominciato a capire perchè Bacon ne era ossessionato… Quel quadro ha una presenza terrificante, una cattiveria incredibile. Lo sguardo, il colore della veste e delle carni, le pennellate ricche, raffinate, in realtà mettono una paura spaventosa, perchè sono stesi con la concretezza e la lucidità di un medico che compie un’autopsia.

    Beatrice

    ottobre 8, 2009 at 9:55 pm

    • Sono d’accordo. È uno dei quadri più impressionanti, nel senso letterale del termine, in cui mi sia mai imbattuto.

      giuseppefrangi

      ottobre 19, 2009 at 10:39 pm

  2. concordo in pieno con Beatrice. Per molti pittori (e anche per me) Velasquez (nientaffatto simpatico) è il più bravo. Nel senso italiano e spagnolo del termine. Un virtuosismo di pennello- spada tutto necessario. Sciabolate di luce tagliente. Da qui ‘la paura spaventosa’ per la sua concretezza e lucidità. In questo molto vicino a Bacon, anche se Bacon più rotto, sanguinante, piangente, urlante. Velasquez impietoso: pronto a raccogliere, con precisione impassibile fino alla soglia della commozione, le fissità feroci o ebeti e i lievi strabismi a labbra serrate di potenti e buffoni: indagando con precisione il discrimine tra determinazione feroce e abbandono fatalistico. Lo stesso la sua pennellata sfatta e definente.
    Velasquez pietoso/impietoso ratifica. Bacon urla esponendo la ferita.
    Bacon prende il testimone da Velasquez e va oltre.

    paola marzoli

    ottobre 10, 2009 at 1:28 pm

  3. Non ho mai capito il motivo per cui in Italia si costruiscono ad arte (si fa per dire) mostre piacione che non hanno né capo né coda. Mostre al femminile, mostre sui “diversi”, mostre sulle controbiennali, mostre sulla pappa al pomodoro. Chi accontentano? In questo caso particolare: accontentano forse chi conosce Caravaggio o chi conosce Bacon? Quale progresso portano agli studi, alle ricerche, al pubblico?

    Cristiana Curti

    ottobre 21, 2009 at 8:12 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: